In aiuto delle Donne vittime di violenza

Home Storie In aiuto delle Donne vittime di violenza

Il grande aiuto di Medici Senza Frontiere arriva anche alle Donne migranti vittime di violenza, di tratta, sfruttamento sessuale o che hanno subito mutilazioni genitali.

È impressionante pensare che il 30% delle persone che sbarcano in Italia dal Bangladesh, dall’Eritrea, dall’Etiopia, dal Ciad e da paesi del Nord Africa o dell’America Latina hanno subito violenza sessuale oppure sono state vittime di rapimento e traffico.

Per questo Medici Senza Frontiere ha creato, con una parte dell’8×1000 alla Chiesa Battista, il progetto SA.I.DA (Salute Integrata Donna): tre consultori a Roma dove a tutte le pazienti vittime di violenza viene offerta pronta assistenza e supporto psicologico. Un intervento reso possibile grazie al lavoro di un team interdisciplinare composto da mediatrici interculturali, promotrici della salute, infermiere, ostetriche e uno psicologo.

Da aprile 2021 fino ad oggi, Medici Senza Frontiere in collaborazione con la ASL Roma 2 ha assistito circa 240 donne e ne ha raggiunte più di 1050.

DESTINA L’8X1000 ALL’UNIONE CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA D’ITALIA.
AIUTACI A REALIZZARE ALTRE STORIE DI AIUTO.

Come fare? Basta una firma sulla tua dichiarazione dei redditi, per riportare la speranza dove non c’era.
Parlane con il tuo commercialista o il tuo CAF di fiducia, oppure scegli direttamente sul modulo on line al sito dell’Agenzia delle Entrate.

NON PRESENTI LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI PERCHÉ SEI ESONERATO/A?
Puoi comunque destinare l’Otto per Mille e il Cinque per Mille alle Chiese Battiste.
È facile: basta presentare in un ufficio postale o in un CAF questa scheda per la scelta dell’8×1000 e del 5×1000 in busta chiusa tra il 2 maggio e il 30 giugno.
La ricezione della scheda è gratuita.

Ultimi post